Inaugurazione Centro astronomico siciliano “Gal Hassin”

osservatorio-astronomico-isnello-14-624x351

polo-astronomico-isnello-675

laboratorio-astronomico-allaperto

Proprio quello che accade a Isnello, in Provincia di Palermo, dove domenica 11.09.2016 si è inaugurato il Centro astronomico siciliano “Gal Hassin” che unisce la stazione di ricerca, posta nel sito di osservazione astronomica più alto d’Italia, al nuovo planetario aperto al pubblico e alle scuole. Un investimento da 13 milioni di euro nel cuore delle Madonie, per far nascere uno dei più importanti poli astronomici italiani. Si tratta di un polo didattico divulgativo, aperto al pubblico e alle scuole, dotato di un planetario digitale con una cupola di 10 metri di diametro; di una terrazza osservativa, con copertura mobile, dove sono montati 12 strumenti di osservazione, un radiotelescopio con parabola di 2,3 metri e un laboratorio astronomico all’aperto con orologi solari di vario tipo. Ma ci sino anche un mappamondo monumentale con tanto di asse di rotazione, un laboratorio solare in cui, tramite un eliostato, potrà essere proiettato su uno schermo il disco solare in tempo reale. Oltre a sale con exhibit interattivi e un’esposizione dei principali tipi di meteoriti e due aule didattiche.

Il cielo delle Madonie, in particolare il sito di Piano Battaglia, già anni fa era stato indicato come possibile sito per la creazione del grande osservatorio europeo poi costruito alle Canarie. Il cielo risultò infatti essere pulito, privo di inquinamento luminoso e in grado di offrire un ottimo numero di notti d’osservazioni l’anno. Il posto giusto dove rimirar le stelle.